Cerca

Cosa sono le bandiere di preghiera e come usarle a beneficio di tutti

Le bandiere di preghiera tibetane dette “lung ta” o “cavalli del ventoservono a diffondere preghiere, energia positiva e meriti karmici a tutti gli esseri senzienti.
Secondo la leggenda buddista, le prime bandiere di preghiera furono usate da Gautama Buddha e rappresentano la parola, il corpo e la mente del Buddha. Altri racconti indicano che i Deva erano soliti indossarle durante le battaglie contro i demoni.
In realtà le bandiere di preghiera sono originarie dell’India, dove i sutra venivano diligentemente trascritti su tela fin dall’antichità.
Preghiere, mantra e simboli sacri decorano molteplici “quadratoni” di stoffa colorata legati ad un  filo. In Tibet si possono osservare nei punti più alti dell’Himalaya, nei monasteri e nei luoghi sacri.
Esistono anche bandiere verticali, meno comuni, conosciute come bandiere darchog.

I cinque colori rispecchiano i 5 elementi e le 5 saggezze:
-il blu è lo spazio. Trasforma la rabbia e diffonde purezza, guarigione.
-il bianco è associato all’aria. Trasforma l’illusione e l’ignoranza in consapevolezza.
-il rosso richiama il fuoco. Infonde coraggio e innalza le preghiere al cielo.
-il verde è l’acqua. Annienta la gelosia e l’attaccamento.
-il giallo si connette alla terra. Dona prosperità e buona fortuna.

L’equilibrio dei 5 elementi nei luoghi (così come nel nostro corpo) preserva l’armonia, la salute e il benessere. Le bandiere di preghiera promuovono quest’armonia e ci ricordano che tutto è interconnesso. Possiamo appenderle affinché donino amore, compassione, pace, forza, guarigione e saggezza a tutti gli esseri viventi. Per rispettare la sacralità dei simboli, scegliete un posto lontano dalla sporcizia e dal suolo. Dopo averle purificate con l’incenso, fissate la bandiera blu in alto: lo spazio è ciò da cui ogni cosa trae origine e che tutto contiene.
Se alcune bandiere si consumano significa che stanno svolgendo bene “il loro lavoro” e basterà aggiungerne altre. Il deteriorarsi della stoffa simboleggia l’impermanenza, ci ricorda che tutto cambia in un eterno ciclo di morte e rinascita.
Il cavallo circondato da quattro animali (tigre, leone delle nevi, Garuda e drago) contraddistingue le bandiere tibetane. Spesso è presente anche Tara Bianca, la Dea che elargisce salute e longevità.
Potete progettare e personalizzare le vostre bandiere di preghiera aggiungendo poesie, inni sacri, i nomi di amici e familiari, o altri simboli utili a trasmettere gioia e guarigione. Quando saranno inutilizzabili dovrete bruciarle con devozione, chiedendo al fuoco di portare in cielo le preghiere a beneficio dell’umanità.

Bandiera di preghiera per attenuare gli effetti della pandemia e favorire la guarigione
Scrivete il mantra OM A BHI YA NAG PO BE SÖ SO HA tre volte su un pezzo di stoffa colorato di circa 30 cm di lato.
Appendetelo in un posto alto (ad esempio il tetto della casa, sopra la porta d’ingresso) o nei luoghi che volete proteggere. Può aiutare a preservare dalla malattia tutta la zona circostante (visibile alla bandierina).

Il mantra in lingua originale:

Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi
2012 - 2018 © Caverna Cosmica by Lux
Chiudi
error: Vuoi copiare il contenuto? Guarda qui: www.cavernacosmica.com/disclaimer/

Prenota un consulto

Chiedi maggiori informazioni su come prenotare un consulto tarologico privato con Luce.