Cerca

Luna piena del 9 marzo in Purva Phalguni: la stella della fortuna

La luna piena del 9 marzo cadrà nella nakshatra di Purva Phalguni “la stella della procreazione”. Governata da Venere/Shukra stimola il desiderio, la passione e la sensualità.
“Phal” significa frutta mentre “guni” vuol dire sostanza: prepariamoci a ricevere un “boost” di energia creativa e a raccogliere i frutti delle buone azioni compiute in passato. Sarà un momento favorevole per dedicarsi all’arte, trascorrere del tempo in famiglia e rilassarsi.
Secondo la tradizione vedica è la notte più adatta a concepire un figlio.
Il nostro satellite, prossimo al perigeo, sembrerà particolarmente grande e luminoso.
Bhaga, il Signore dell’abbondanza e della fortuna, fino al 12 marzo proteggerà chi desidera iniziare nuovi progetti e risolvere qualunque tipo di disaccordo (familiare, legale, economico).
Mercurio riprenderà il moto diretto in concomitanza alla luna piena donando sollievo al sistema nervoso. Ritardi, ostacoli e contrattempi inizieranno a dileguarsi.
Prepariamoci ad accogliere la primavera festeggiando l’Holi, l’esplosione di colori che simboleggia il risveglio della natura e della forza vitale.
La sera dell’otto marzo in India, i devoti indù accenderanno migliaia di fuochi per purificare tutto il risentimento, il male e il dolore accumulato all’interno delle comunità nel corso dell’anno.
Le ceneri delle pire, considerate sacre, vengono conservate nelle case dei fedeli per promuovere la salute e la longevità.
Accendiamo anche noi un fuoco simbolico e allontaniamo dalla nostra anima qualunque tipo di astio e negatività nei confronti delle persone che ci circondano. Promettiamoci di guardare al futuro con rinnovata speranza anche se dovremo aspettarci una certa instabilità su scala globale. Dal 16 marzo infatti, tornerà attivo il Kala Sarpa Yoga. Sebbene ci attendano momenti critici, l’Holi ricorda che la luce trionfa sempre sull’oscurità, proprio come Prahlada trionfò sulla perfida Holika.
Dio si manifesta in tutte le sfumature del creato, perciò cerchiamo di apprezzare la bellezza nella diversità, di assaporare tutti i colori della vita e cooperare affinché la pace regni dentro e fuori di noi.

Meditazione consigliata: Metta
Rituali: purificazione, abbondanza
Pietre: prediligere l’acquamarina, la rodocrosite, la prehnite, la malachite, il topazio giallo (equilibrano l’emotività e risvegliano l’energia vitale)
Mantra: qui

 

In altre parti dell’India i vaiṣṇava festeggiano Gaura Purnima (la luna piena d’oro) che commemora il giorno dell’apparizione di Sri Krishna nel Suo aspetto di Sri Caitanya Mahaprabhu (l’avatar d’oro che riunisce Radha e Krishna).
La sua missione consisteva nel predicare e diffondere l’importanza del canto dei santi nomi in questa età di Kali, o età della discordia. Srila Prabhupada scrive: “In questa era basta un nonnulla per accendere gravi conflitti, perciò gli sastra [le Scritture] raccomandano un metodo di realizzazione spirituale comune a tutti: il canto dei santi nomi del Signore.” Seguendo le orme di Sri Caitanya, chiunque può fare progressi sul sentiero spirituale e raggiungere la coscienza trascendentale, la coscienza di Krishna, cantando il maha-mantra, il grande canto della liberazione:

“Hare Krishna, Hare Krishna, Krishna Krishna, Hare Hare

Hare Rama, Hare Rama, Rama Rama, Hare Hare.”

Questo canto ci permette di risvegliare la nostra coscienza e allontanare dal cuore timori ed ansietà.

Fonti:
Nakshatra
Vedicastroyoga


 

Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi
2012 - 2018 © Caverna Cosmica by Lux
Chiudi
error: Vuoi copiare il contenuto? Guarda qui: www.cavernacosmica.com/disclaimer/

Prenota un consulto

Chiedi maggiori informazioni su come prenotare un consulto tarologico privato con Luce.