Rosa


Simbologia planetaria: Venere e Marte

1546220_10152240132469653_238258381_nLa rosa è il fiore di Venere-Afrodite.
In epoca ellenistica simboleggiava il primo grado di iniziazione ai misteri di Iside, uno dei tanti nomi della Grande Madre venerata da Egizi, Fenici e Romani.
Nel cristianesimo fu associata alla Madonna e ispirò la recita del Rosario che prende il nome dalle corone di fiori “chapelets”, ornamento usuale nelle feste profane e religiose. La rosa è utilizzata anche nel simbolismo funerario a causa della fioritura breve. Secondo la leggenda, l’arcangelo Gabriele avrebbe intrecciato una corona di rose bianche per i misteri del gaudio, una di rose rosse per i dolori della Passione e una di rose dorate per la glorificazione della Madre e del Figlio.
Nel Sacro Bosco di Bomarzo le rose alludono al segreto ermetico poiché i petali celano la parte interna del fiore.
La struttura concentrica della rosa  ha evocato l’idea della ruota, simbolo del tempo che scorre, dell’eterno ciclo di vita-morte-vita.
Il turbine di petali verso il centro richiama la manifestazione dell’Uno che si dispiega negli archetipi.
Gli alchimisti usavano la rosa per indicare due fasi dell’Opus (albedo e rubedo).
La rosa rossa è il simbolo dell’amore nella celebre fiaba “La Bella e il Mostro“. Nella parte conclusiva del racconto, Belinda si invaghisce della bestia perché la bontà l’aveva trasfigurato ai suoi occhi. San Valentino secondo la leggenda, avrebbe riappacificato due innamorati facendo sbocciare una rosa. La rosa è il simbolo di S. Rita e S. Teresa del Bambino Gesù. Santa Teresa sosteneva che la cosa più importante fosse gettare al Signore le rose dei piccoli sacrifici che segnano la via della santità accessibile a tutti.
In magia i suoi petali si usano per attrarre amore, amicizia, benevolenza e riportare armonia nei conflitti.
L’olio essenziale di rosa è utile a stimolare l’ispirazione e i sogni profetici. I suoi principi attivi consentono alla pelle di mantenersi elastica rallentando la formazione delle rughe. Sulla psiche ha un effetto calmante: attenua i pensieri negativi e predispone all’amore. Le spine del dio Marte si usano per la protezione personale. Fra i Fiori di Bach il rimedio Wild rose (rosa canina) serve a stimolare la gioia di vivere e la capacità di prendere l’iniziativa.
La rosa è antisettica e ha proprietà rinfrescanti. L’acqua di rose era usata per abbassare la febbre e attenuare le infiammazioni della pelle.
Dalle ricerche dell’Università di Parigi risulta che il profumo della rosa influisce sull’equilibrio ormonale femminile: diminuisce lo stress tipico dei cambi di stagione, placa i disturbi digestivi e la fame nervosa.
Le bacche di rosa canina, antibatteriche e ricche di vitamina C, contrastano l’insorgere delle sindromi influenzali.

Usatela per: proteggervi, riportare armonia, affascinare, attrarre l’amore, accendere l’eros, rafforzare un’unione sentimentale o un’amicizia, fare un’offerta rituale, stimolare la ricerca interiore.

Pietre da associare alla rosa: malachite, kunzite, quarzo rosa, tormalina rosa, rodocrosite, heulandite, barite, avventurina.

Bibliografia:
Florario di Alfredo Cattabiani

 

 

+ Non ci sono ancora commenti

Aggiungi il tuo commento