Mughetto


Simbologia planetaria: Plutone

mughetIl Mughetto è associato a Maia, la dea della crescita, della fertilità e della primavera. Nell’Antica Roma il suo culto era riservato alle sole donne.
Secondo la mitologia norrena è nato dalle lacrime di Freya, la dea dell’amore e della fertilità.
Un’antica leggenda del Sussex narra che questi fiori sbocciarono dal sangue di San Leonardo, ferito nel corso di un’estenuante lotta contro un drago, nei boschi vicino Horsham. 44004-lily_of_the_valley_fairy_unknown
In Francia il 1° maggio, i mughetti si portano all’occhiello per festeggiare la primavera. A Parigi li offrono per pochi euro all’angolo delle strade e dei metrò. Il mughetto, resta fra i fiori più richiesti nei bouquet da sposa, simbolo di costanza nell’amore coniugale, fortuna e felicità.
In passato si usavano preparati a base di mughetto per curare la malinconia e la depressione. Oggi l’olio essenziale serve a sondare le profondità della mente, grazie alla sua capacità di portare alla luce i contenuti dell’inconscio e le nostre pulsioni.
Il profumo del mughetto avrebbe la virtù di facilitare l’apprendimento e rallegrare i cuori infranti. Nel linguaggio dei fiori evoca la purezza.

Curiosità: secondo una leggenda cristiana i primi mughetti sono nati dalle lacrime della Madonna ai piedi della Croce. In molte culture sono considerati la casa delle Fate. Il Feng Shui li considera i fiori della felicità. Il mughetto era sacro presso le popolazioni assire. In medicina sono impiegati per curare i problemi cardiaci.

Usatelo per: rendere solidi gli affetti e le amicizie, propiziare la fortuna, favorire l’apprendimento e la memoria, alleviare le pene d’amore, proteggere i bambini, riportare l’allegria in casa, stimolare l’intuizione.

Pietre da associare al mughetto: malachite, prehnite, quarzo rosa, morganite, rodocrosite, selenite, quarzo ialino.

Bibliografia:
Florario di Alfredo Cattabiani
Erboristeria planetaria. Proprietà curative e simbologia delle piante. Ediz. illustrata

+ Non ci sono ancora commenti

Aggiungi il tuo commento