Significato dei colori nei Tarocchi


significato colori tarocchiNero: è l’origine oscura, il caos, il vuoto e la totale assenza di luce. I monaci Zen indossano vesti nere. Per arrivare a Dio si dice che sia necessario attraversare l’oscura notte della fede. Il nero è il fango che contiene tutti i germi della vita, da cui emerge il fiore di loto, la nigredo alchemica, la putrefazione. Il principio germina dall’oscurità. Richiama il passato.

Bianco: è l’insieme luminoso di tutti i colori e allude alla purezza. Al negativo rimanda al freddo della morte, della paura. Allude al futuro.

Rosa: colore della carne umana, assume tutte le forme psichiche dell’essere umano, nel bene e nel male. Rievoca il presente.

Verde: è il colore della natura, della nascita e trasformazione. La vita vegetale prospera là dove ha messo le radici; per questo il verde rappresenta anche l’approfondimento, l’assorbimento. Nell’inconscio questo colore allude all’attaccamento alla madre. Ma la madre benigna si può trasformare in matrigna, quando ci tiene ossessivamente legati.

Rosso: è pur20150716_175447a attività, calore, sangue, movimento, circolazione. Dal punto di vista negativo richiama la violenza, la brutalità. Se il sangue circola all’interno simboleggia la vita, all’esterno la morte.

Blu: è il colore della spiritualità, della calma, della notte. Evoca l’attaccamento al padre e al negativo,l’immobilità, l’asfissia.

Giallo: è intelligenza spiritualizzata, l’oro alchemico, la luce della coscienza. Se al positivo è la ricchezza spirituale, al negativo rappresenta l’aridità nei sentimenti.

L’arancione: colore energetico, parla di armonia, piacere, aspirazioni, socialità, intelligenza e soddisfazione. Bisogno di esperienze intense (si colloca fra il giallo e il rosso). In negativo, rimanda al senso di colpa e alla castrazione del piacere o ad una eccessiva rigidità emotiva.

Marrone: richiama la Terra, il lato pratico della vita, ciò che fa da sostegno (suolo) e nutre. Al negativo è la freddezza della tomba e la depressione.

Grigio: è la nebbia, il mistero, l’incertezza sulla strada da intraprendere. Al negativo è l’austerità e l’avarizia.

Viola: è la saggezza suprema. Gesù in croce, è vestito di viola, quindi evoca anche il sacrificio e i riti mortuari. In realtà è l’aspirazione alla morte dell’ego, dominare l’io per raggiungere la vita impersonale.

Bibliografia parziale:

Lux


Supporta il mio sito!

+ Non ci sono ancora commenti

Aggiungi il tuo commento