La forza del desiderio: come applicarla


desiderare e attrarre cose positiveIl desiderio diventa più forte con il peggiorare della nostra condizione di vita e quando stiamo così male da non farcela più e ci diciamo “Io non accetto più questa situazione, cambierò le cose”, allora ecco che balza in azione. Quando “vogliamo” il cambiamento e concentriamo tutto il nostro interesse e la nostra attenzione affinché il cambiamento avvenga, iniziamo a cambiare le cose. La preoccupazione, invece, non conclude mai nulla. La preoccupazione è negativa e porta alla morte. Il desiderio e l’aspirazione sono positivi e producono vita.
Per riuscire in qualsiasi cosa la si deve volere davvero: il desiderio deve uscire alla luce per attrarre. Chi ha desideri deboli attrae ben poco a sé. Più forte è il desiderio, maggiore è la forza che attiviamo. Bisogna volere qualcosa intensamente, se la si vuole ottenere. Bisogna volerla più delle cose che ci circondano e bisogna essere pronti a pagarne il prezzo. E il prezzo è dover gettare a mare altri desideri minori che ostacolano il raggiungimento di quello maggiore. La comodità, l’agio, il tempo libero, il divertimento e tante altre cose devono spesso andarsene (ma non sempre, dipende da cosa si vuole). Di norma, più grande è ciò che si desidera e maggiore sarà il prezzo da pagare per averlo. La Natura crede nel giusto compenso. Ma quando davvero si vuole qualcosa, si paga senza fare storie.
Desiderio, fiducia, volontà: ecco la chiave per il raggiungimento dei nostri propositi, la chiave che apre le porte.
Non importa quanto sia grande la difficoltà: quando riusciamo finalmente ad affrontarla con coraggio e fiducia in noi stessi, in qualche modo riusciamo a superarla e poi non ci ricordiamo perché avevamo paura. Non si tratta di una fantasticheria, ma dell’azione di una Legge potente.
Il futuro non ha in serbo difficoltà, ma dinamiche attive per favorirne il superamento. Le cose vanno a posto da sole. Se siamo pronti ad affrontare qualsiasi guaio, quando sarà il momento ci troveremo in qualche modo in grado di venirne a capo.

“Dio non mitiga solo il vento per l’agnello tosato, ma tempra anche l’agnello tosato per il vento. I venti e la tosatura, infatti, non arrivano mai insieme: solitamente, prima che ritorni il gelo l’agnello ha tempo per acclimatarsi e per far ricrescere la lana.”

La preoccupazione non va combattuta. La mente può pensare a una sola cosa alla volta: quando la illumina un pensiero, quello precedente sbiadisce fino a scomparire. Combattere contro i pensieri spiacevoli non è il modo migliore per superarli. Piuttosto, se si vuole risolvere un problema, si deve imparare a focalizzare la mente su pensieri di natura opposta.
Quando la mente è piena di pensieri angosciosi non trova il tempo per escogitare piani a nostro beneficio. Concentrarsi su pensieri luminosi e utili, invece, attiva il subconscio in modo tale che, quando il momento lo richiede, si troveranno mille modi per far fronte alle situazioni.
Perciò sviluppate il corretto atteggiamento mentale.

William Walker Atkinson, 1906

Categorie

Supporta il mio sito!

+ Non ci sono ancora commenti

Aggiungi il tuo commento