Come purificare la propria aura


rinforzare auraChi è dotato di una forte sensibilità ed empatia assorbe più facilmente energie estranee.
-Le “energie negative” non sono altro che “energie basse” a livello vibrazionale e comprendono: rabbia, odio, depressione, senso di colpa, autocritica, tristezza ecc.
-Le energie positive sono “alte” a livello vibrazionale e includono: felicità, gioia, compassione e soprattutto l’amore.
Purtroppo quando tratteniamo energie “basse il nostro umore, le nostre emozioni e persino la nostra salute ne risentono.
Vi è mai capitato di ascoltare qualcuno immerso nei propri problemi e tornare a casa molto stanchi, nervosi, inquieti, tristi?
Bene, allora dovete imparare a rimuovere l’energia estranea alla vostra aura.
Dopo aver fatto gli esercizi di radicamento sedetevi in una posizione comoda e immaginate la vostra aura. Osservate il suo colore e se non riuscite a visualizzarne alcuno, inondatela col primo colore che vi suggerisce l’intuizione (evitate quelli scuri).
Cercate di percepire fin dove si estende e cosa vi trasmette.
Ci sono dei punti in cui vi sembra danneggiata, sbiadita, sporca o pesante, densa come una nuvola di fumo? Li vedete?
Quei punti costituiscono l’energia negativa che avete incanalato.
Immaginate di ripulire l’aura da tutti gli spazi danneggiati. Consegnateli alla terra e lasciateli sprofondare nel nulla.
Procedete visualizzando un globo di luce dorata che vi avvolge dalla testa ai piedi e sentite il suo potere rigenerante scorrervi nel corpo. Continuate a meditare finché non vedete che il vostro campo energetico è integro. Passate in rassegna i chakra e fate scendere qualsiasi energia estranea.
La pulizia dell’aura e gli esercizi di radicamento dovrebbero essere svolti ogni giorno per mantenere alto il livello di energia vitale. Potete associare alla meditazione della musica rilassante.
Altri metodi per la pulizia del corpo energetico includono:
-l’utilizzo delle campane tibetane;
-l’utilizzo del cristallo di rocca. Prendete un cristallo laser e rivolgete la punta verso l’esterno. A partire dai piedi risalite il corpo lentamente e tracciate un cerchio. Immaginate che una luce bianca, pura, vi inondi e rinforzi l’aura. Poi scaricate il cristallo in acqua corrente.

+ Non ci sono ancora commenti

Aggiungi il tuo commento