Arcobaleno: simbolo e significato


L’arcobaleno costituisce un ponte fra cielo e terra, fra pioggia e sole. A livello simbolico rappresenta la speranza, il ritorno alla pace, l’armonia e la compiutezza. Nel libro della Genesi è il segno dell’alleanza fra Dio e gli uomini. La tradizione greco-romana considera Iride la messaggera degli dei mentre nella mitologia germano-scandinava è Heimdallr -il dio arcobaleno- a collegare i due mondi (superiore e inferiore). Secondo lo Dzogchen i praticanti più devoti al momento del trapasso fanno esperienza del “corpo arcobaleno” come segno di realizzazione suprema.
Nella cultura cinese l’arcobaleno assume le sembianze di un drago a due teste e ha il compito di portare in cielo le preghiere dei mortali. I suoi colori rappresentano lo yin e lo yang, la perfetta armonia. In Colombia il dio arcobaleno Chuchavira svolgeva un’azione benefica di protezione e guarigione.
Presso i Navajo solo i giovani che riuscivano a cavalcare il serpente arcobaleno erano degni di diventare sciamani, poiché li avrebbe guidati nel mondo degli Spiriti.
Per i Celti le curve dell’arcobaleno rappresentavano la luna crescente e l’energia femminile sacra. Nell’epopea di Gilgamesh la dea Ishtar creò un arcobaleno per salvare la terra da Enil.
Il numero di colori che lo compongono ha un significato degno di nota: in gran parte delle tradizioni esoteriche il sette simboleggia la perfezione, il passaggio ad uno stato di consapevolezza più elevato.
Vedere un arcobaleno è un segno positivo e di buon auspicio. Indica la fine delle difficoltà, la capacità di rinascere e cogliere nuove occasioni. Si tratta di una meravigliosa illusione, un dono in grado di stupire l’anima con i suoi colori: non è  un caso ammirarlo quando lo spirito è  abbattuto, nei momenti di transizione o quando desideriamo vedere la vita con occhi nuovi. La sua forma ad arco ricorda un ponte, perciò a livello simbolico l’arcobaleno rimanda alla nostra capacità di  attraversare le prove dell’esistenza e abbandonarci alla trasformazione. Se nella cultura Navajo rappresenta una sorta di iniziazione, ossia la fine della vecchia vita a favore di una rinascita nella consapevolezza, possiamo leggerlo come un simbolo di eternità. Se la fine è solo un nuovo inizio vedere un arcobaleno può indicare  la vicinanza degli antenati e di tutti coloro che ci attendono nell’Aldilà.
L’arcobaleno nasce dall’unione di luce ed acqua, energia yin e yang. Questo significa che l’equilibrio interiore fra queste forze genera armonia e uno Spirito armonioso può connettersi alla sfera divina.
Un arcobaleno doppio invita a perseverare nella realizzazione dei propri obiettivi e a fidarsi delle sincronicità. I colori inversi nell’arco esterno rappresentano il ritorno al cielo, il risveglio della kundalini e l’integrazione delle esperienze spirituali.
L’arcobaleno ci ricorda che dobbiamo trascendere noi stessi se desideriamo scoprire l’essenza della vita, l’oro mitico che nelle favole si trova nelle pentole dei leprecauni.

Copyright
I contenuti presenti sul sito “Caverna Cosmica” dei quali è autore il proprietario del sito non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Ogni violazione sarà perseguita ai sensi della legge.

+ Non ci sono ancora commenti

Aggiungi il tuo commento