Cerca

Nigella sativa o cumino nero: la fanciullaccia miracolosa della Dea

Il mio primo incontro con questa piantina è avvenuto a Triora, un luogo che mi ha permesso di intuirne la forza. Il colore intenso dei suoi petali mi ricorda quello del cielo azzurro nelle giornate estive, quando il sole batte forte a mezzogiorno (l’ora delle streghe).
Paradossalmente, il suo nome deriva dal latino niger che significa nero, ragion per cui la pianta è conosciuta col nome cumino nero.
In francese è detta “cheveux de Vènus” (capelli di Venere) a causa delle foglie sottili simili a un pettine.
Guarda caso, una leggenda narra che l’imperatore Federico I (1125-1190) fu sedotto e poi stroncato (per annegamento) da uno spirito acquatico dai capelli verdi, la piccola nigella “sotto mentite spoglie”.
Tali racconti svelano la forte connessione della nigella col potere femminile, l’archetipo della Fanciulla e gli incanti d’amore tipici delle piante venusiane.
Questa erba è nota anche come “capelli della sposa”, dalla tradizione rinascimentale di sposarsi con i capelli sciolti, a simboleggiare la verginità.
In inglese i nomi comuni della piantina sono molteplici: “amore nella nebbia”, “jack in prigione”, “inganno d’amore”, “diavolo nel cespuglio ad evocare i temibili effetti dei legamenti ottenuti con la nigella. E’ associata al segno della Bilancia e a Santa Caterina d’Alessandria, patrona delle fanciulle e delle studentesse.
Uno dei più grandi alchimisti medievali, il persiano Geber, la utilizzò per preparare il suo elisir rosso.
Gli arabi chiamano la nigella “habbatul barakah” che vuol dire semi benedetti. Originaria del sud-est asiatico, era conosciuta già dagli antichi egizi: i semi sono stati ritrovati in diversi siti archeologici (in primis nella tomba di Tutankhamon), si suppone per donare forza ai defunti nell’Aldilà.
Compare anche nel libro di Isaia che ne sconsigliò la coltivazione (cara al popolo egizio).
In epoca medioevale le proprietà della nigella furono studiate da Avicenna: era convinto che i semi stimolassero l’energia del corpo e fossero un ottimo tonico.
Il Profeta Maometto consigliava di “usare sempre i semi del grano nero poiché essi curano tutte le malattie, tranne la morte”. E in effetti l’olio di nigella sativa allevia la rinite, l’asma e l’eczema atopico. Ha una funzione antistaminica e antireumatica. L’infuso viene impiegato per favorire il flusso mestruale, abbassare la febbre, placare il mal di testa, come diuretico, digestivo e per aumentare la funzionalità del sistema immunitario. Anticamente le donne erano solite prepararlo così: mettevano un cucchiaio di semi di nigella in un pentolino d’acqua bollente. Dopo averlo filtrato e lasciato raffreddare lo gustavano con l’aggiunta di miele.
Il cumino nero in magia viene utilizzato per rendere salde le unioni, promuovere l’armonia familiare e assicurarsi la fedeltà del partner. Ungere i telai delle porte con l’olio di nigella all’alba, consentirebbe di mantenere la pace e la tranquillità in casa, oltre ad allontanare i ladri e gli ospiti indesiderati.
Mettere una manciata di semi di nigella dentro un sacchettino bianco e tenerlo accanto al letto, allontana gli incubi, l’insonnia e le energie negative. Bruciarli attira la buona sorte e la prosperità. Collocarli sotto il materasso riaccende l’eros e la complicità nella coppia.
Visti i suoi poteri di guarigione potete usarla come talismano per il benessere fisico e spirituale. L’olio nero serve a porre fine ai dolori e alle sofferenze interiori. I fiori freschi aiutano l’introspezione e la ricerca della verità.
A Roma, la Nigella damascena (detta fanciullaccia) avrebbe la virtù di scacciare guai e disgrazie (forse per le foglioline appuntite).
Nel linguaggio dei fiori la nigella rappresenta il desiderio di ricevere un bacio, il dubbio e l’imbarazzo.

Curiosità: l’olio serve anche ad avere una pelle luminosa e capelli perfetti.
Sul recupero della Nigella: qui

Attenzione: l’uso terapeutico va considerato con cautela per la presenza di un alcaloide tossico. Questo sito raccomanda di seguire i consigli del proprio naturopata/erborista o medico.

Write a response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Chiudi
2012 - 2018 © Caverna Cosmica by Lux
Chiudi
error: Vuoi copiare il contenuto? Guarda qui: www.cavernacosmica.com/disclaimer/

Prenota un consulto

Chiedi maggiori informazioni su come prenotare un consulto tarologico privato con Luce.