Simbologia del Calicanto


IMG_4357Quando tutti gli alberi sono spogli fiorisce il Calicanto. Sono particolarmente legata a questa pianta perché mio padre ne piantò una il giorno in cui  venni al mondo. I suoi fiori spuntano in pieno inverno e hanno un profumo davvero delizioso. La leggenda narra che un pettirosso infreddolito andava cercando riparo ma gli alberi non lo volevano ospitare; allora il calicanto, impietosito, lo chiamò dicendogli di posarsi sotto le sue ultime foglie. Il Signore volle ricompensare il generoso alberello facendo cadere sui suoi rami una pioggia di stelle splendenti e profumate che si trasformarono in fiori. Da quel giorno il miracolo si ripete ogni anno e in effetti, i suoi fiori sembrano proprio fulgide stelline. Il suo nome botanico è “Chimonanthus” dal greco “cheimon” inverno e “anthos”, fiore.
Un’altra leggenda invece parla di un bimbo che per guarire da una brutta malattia, chiese un fiore. Ma erano i giorni del gelo, quando tutte le piante debbono ubbidire alla grande legge del sonno. La mamma supplicò tutti gli alberi del suo giardino di donarle un fiore visto che li aveva sempre trattati con cura. Ma gli alberi dormivano e quelli che si svegliavano bisbigliavano: “Chi ha fretta di fiorire ha fretta di morire”.
Solo una pianta tentava di aprire le sue gemme. Il gelo subito la rimproverò: “Vuoi dissubidire alla grande legge del sonno? Allora morirai!”
Ma una luce brillò e l’albero si coprì di fiori profumatissimi. Nacque il calicanto, il fiore che non ha paura del gelo. E la mamma lo portò al suo bimbo che guarì.
Nel linguaggio dei fiori un fascio di rami di calicanto promette a chi lo riceve un’affettuosa protezione e benevolenza.

I consigli dea strìa
Il calicanto fiorisce a temperature proibitive perciò simboleggia il coraggio, la forza, la tenacia.
I colori dei suoi fiori richiamano il Sole che rinasce anche dopo il più lungo periodo di oscurità. Secondo la leggenda il Creatore ricoprì questa pianta di stelle come premio per la sua bontà, quasi a volerci ricordare che tutti possediamo quella “scintilla” in grado di farci compiere atti di misericordia.
Il fatto che fiori così minuscoli sopravvivano al rigore invernale e abbiano una profumazione tanto intensa insegna che i miracoli sono sempre attorno noi: per quanto possa andar male la bellezza e la grazia delle piccole cose non ci abbandona mai.
Quest’albero è posto sotto la tutela del Sole pertanto ha virtù energizzanti, purificatrici e protettive. La sua fragranza dissolve i pensieri negativi e accende la sensualità. Il calicantus è di buon auspicio in quanto simboleggia la continuità della vita.  L’essenza è particolarmente adatta al segno del Sagittario.
Per tenere lontana la malinconia e stimolare la guarigione (fisica o psichica) potete profumarvi con dell’acqua di calicantus.

Bibliografia:
Florario di Alfredo Cattabiani

 

  1. 3
    Emanuela

    Grazie per la leggenda pubblicata che non ricordavo ma che conoscevo fin dal periodo della Scuola Elementare. Infatti è la pianta che amo di più in assoluto.

  2. 5
    Sili

    Ho comprato l’acqua di Calicanto. E’ un periodo difficile della mia vita.
    Spero mi dia tantaforza ed ottimismo. Grazie per la segnalazione. Sily

    • 6
      Lux

      Forza Siliana! Il Calicanto è un’Intelligenza forte e delicata allo stesso tempo. La caratteristica del suo profumo è proprio quella di addolcire i pensieri e donare buon umore.
      Aiuta a rilassare la mente. Se poi in questo freddo inverno, ci associamo una bella tisana di melissa, con un cucchiaino di miele al tiglio, il sollievo sarà immediato.
      Un abbraccio grande!

+ Leave a Comment