Lavanda


Simbologia planetaria: Luna – Mercurio

imagesLa lavanda emana un senso di purezza e di quiete. Il nome deriva dal latino “lavandus” il gerundio di lavare: il fiore era usato per aromatizzare l’acqua, profumare la biancheria e tenere lontani gli insetti. Era sacra alle Vestali che indossavano coroncine di fiori di lavanda. In Valdinievole (Toscana) era usata per togliere il malocchio ai bambini e durante la notte di S. Giovanni teneva lontane le streghe. La sua spiga è considerata un amuleto per allontanare le sciagure e un talismano per propiziare prosperità e fecondità. Esercita una particolare influenza a livello della personalità femminile: governata dalla Luna è di grande aiuto alle donne perché attenua  le mestruazioni dolorose e le infezioni vaginali.
Rafforza il senso di identità personale e calma gli eccessi emotivi. Tonifica i nervi, favorisce il sonno, ma allo stesso tempo combatte la debolezza. E’ indicata sia in situazioni d’ansia e nervosismo, sia in momenti di malinconia, apatia e tristezza. Pianta mercuriana seda tutti gli squilibri legati allo stress.
Un bagno aromatico alla lavanda la sera, al termine della giornata lavorativa, aiuta a lasciar andare tutte le tensioni, a ritrovare la pace e il contatto con se stessi. L’essenza diffusa nell’ambiente dissolve i contrasti ed elimina l’energia residua. I suoi effetti rilassanti sono ottimi per chi pratica la meditazione. Utilizzata come profumo crea attorno alla persona un’aura luminosa che attrae le energie positive.

Usatela per: attrarre energie positive, purificare gli ambienti, favorire la prosperità, proteggere la casa, sconfiggere la tristezza, promuovere un senso di pace e raggiungere uno stato di consapevolezza superiore, placare i caratteri impulsivi e facili all’ira.

Pietre da associare alla lavanda: sodalite, crisoprasio, ametista, spinello.

Bibliografia:
Florario. Miti, leggende e simboli di fiori e piante di Alfredo Cattabiani

 

+ Non ci sono ancora commenti

Aggiungi il tuo commento