Cristalli e composizione chimica: come curano


curarsi con i cristalliOgni famiglia di cristalli è caratterizzata da un chimismo di base, espresso nella formula chimica e da minime percentuali di altri elementi. Sia gli elementi chimici di base sia quelli presenti in traccia nel reticolo cristallino trasmettono vibrazioni in grado di riequilibrare corpo, mente, emozioni.
Una maggior presenza di elementi significa maggior risonanza sul corpo fisico, una minor presenza indica una predominanza sulle energie sottili (pensieri ed emozioni).

Adularia e amazzonite hanno un alto contenuto di potassio quindi contribuiscono a regolarizzare la produzione ormonale.

Malachite, crisocolla e turchese, contengono rame e quindi servono per migliorare il funzionamento della tiroide e delle ovaie.

L’ematite, per l’alta presenza di ferro, arricchisce il sangue.

-Le tracce di ferro nell’ametista e nella corniola, sostengono volontà e spirito d’iniziativa più che il corpo fisico.

proprietà chimiche cristalli-Nel granato spessartite, il manganese contrasta la sterilità, mentre in quantità minore nel quarzo rosa, favorisce la comunicazione e l’empatia.

-Il silicio presente nei quarzi, ritarda l’invecchiamento, rafforza le ossa, dona stabilità.

-Nella labradorite, nei corindoni e nel topazio c’è l’alluminio, che favorisce la capacità motoria e il funzionamento dello stomaco (riduce l’acidità).

-Calcite, apatite e fluorite contengono il calcio, che serve a rafforzare le ossa e stimola la crescita.

Spinello, granato rodolite e priopo, magnesite, contrastano la calcificazione dei vasi sanguigni, grazie all’alto contenuto di magnesio.

Giada e lapislazzuli contengono sodio, che aiuta i reni e combatte i capogiri.

L’agata, ricca di elementi è ottima per il sistema immunitario, specie quella muschiata e serve anche a vincere la paura, alimentare l’ottimismo e la voglia di vivere.

La fluorite (elemento base fluoro), stimola l’attività del cervello e in traccia nell’apatite vince apatia, rigidità mentale, comportamenti stereotipati.

-Il berillio contenuto nello smeraldo, nell’acquamarina, nella morganite, aiuta in caso di allergia.

Queste sono solo indicazioni di massima, perché le proprietà di una gemma dipendono anche dalla struttura cristallina, dalla forma e dalla tonalità di colore.


Supporta il mio sito!

+ Non ci sono ancora commenti

Aggiungi il tuo commento