Come percepire l’energia di uno Spirito


percepire gli spiritiDevo ammettere che per me è semplice percepire l’energia di una persona, di una pianta, di un animale, di un cristallo e degli Spiriti che sono presenti, talvolta in alcuni luoghi (e nella mia stessa casa). Come?.
Attraverso le mani, sensazioni, intuizioni, i sogni e il mio stesso corpo.
Tutti abbiamo un campo energetico, o aura che contiene delle “informazioni”: ricordi, emozioni, forme-pensiero. Questa energia è meno legata al piano fisico e più vicina a quello spirituale. Di certo, con la morte non scompare (l’energia non si crea, non si distrugge, ma può essere trasformata).
Possiamo percepirla risvegliando l’intuizione.
Ognuno di noi, sa nel profondo, quali emozioni gli provocava, ad esempio, la presenza di un fratello, marito, nonna, o come camminava, che profumo usava, se era protettivo ecc.
Se vi sembra, di sentire una presenza, probabilmente c’è e dovete fidarvi del vostro sesto senso.
Per esercitarvi nella percezione, partite da qualcosa di tangibile. Andate in un bosco e iniziate da un albero; gli alberi sono Spiriti antichissimi e hanno una profonda connessione con la terra, specie in inverno quando la loro energia Yin è “concentrata” e mira al successivo sviluppo, alla rinascita.
Avvicinatevi all’albero che più vi piace. Poi chiudete gli occhi e respirate, prestando attenzione alle sensazioni che vi comunica. Potete anche distanziarvi dall’albero e usare la visione periferica. Cosa notate?. Tendete delicatamente le vostre mani verso l’albero e rilassatevi.
Se non sentite nulla, non rinunciate, basta ripetere la pratica almeno per dieci minuti, tre volte a settimana. Esercitatevi anche in un parco o nel vostro giardino.
Col tempo, imparerete a distinguere le energie degli alberi e i loro messaggi; per esempio, la Betulla è molto “dolce e rilassante”, l’Aloe emana un forte senso di “saggezza e protezione”, il Pino è “energizzante e rigoroso”, il Prunus “difende dal male”, Cipresso e Bosso sono “sacri, segreti, silenziosi e mistici”.

Esercizio per percepire l’Energia di uno Spirito
Sia chiaro, non voglio invitare chiunque a prendere contatto con gli Spiriti, ma solo le persone che sentono di voler imparare a farlo, stabili emotivamente e ben “radicate”. E’ opportuno che le energie siano in equilibrio, essere tranquilli, sereni e rilassati. Consiglio inoltre, alcuni esercizi yoga o meditazioni (base) per “riequilibrare” il chakra della radice.
Stai attraversando un momento di forte fragilità?. Ti spaventa il buio e tutto ciò che riguarda l’Oltremondo?. Sei arrabbiato o triste?. Non fate questo esercizio.
Considera che ogni Spirito deve proseguire il suo cammino ma per un certo tempo, variabile, può restare con noi e farci visita. Se pensi spesso e con grande amore ad una persona scomparsa, e nella tua mente rivivi i ricordi vissuti, è probabile che in realtà, ti sia già vicina. Nel momento in cui hai questi pensieri, appoggia a terra i piedi e distendi le mani, con i palmi rivolti verso l’alto. Se vuoi chiudi gli occhi e resta in ascolto.
Anche se non pensi a nessuna persona in particolare, puoi ripetere lo stesso esercizio, fidandoti delle intuizioni che ricevi. In ogni caso, non scoraggiarti e lascia che siano il tempo ed i segni a guidarti nello sviluppo delle tue facoltà. Se vorrai scrivermi le tue esperienze, ne sarò felice.
Puoi anche chiedere alla tua Guida di manifestarsi in un punto specifico della stanza (davanti o di fianco a te) e sentire come si presenta la sua energia, cosa provi e in quale punto del corpo, poi spostati e senti la differenza.
A seconda delle tue sensazioni, col tempo forse riuscirai a capire “Chi” vuole interagire con te e i suoi messaggi.

Salva

Salva


Supporta il mio sito!

+ Non ci sono ancora commenti

Aggiungi il tuo commento