Luna Piena e doni psichici


Quando la Luna è piena, la sua energia è intensa e potente. Un momento perfetto per rafforzare le proprie intenzioni e desideri con l’ausilio della meditazione.
O al contrario, per disfarsi di ciò che non ha più motivo di esistere in noi: paura, dolore emotivo causato dalla rottura di un legame, cattive abitudini, blocchi e sensi di colpa.
Chi ha dei doni psichici sente in modo maggiore il magnetismo lunare e fatica a riposare adeguatamente.
Evitate di forzare il sonno e impiegate la sua energia per facilitare le visioni, l’introspezione e la divinazione, il lavoro sui sogni.

Chiedere una visione
Stendetevi comodamente a terra e lasciate che la sua luce vi avvolga. Chiudete gli occhi e svuotate la mente osservando il buio. Presto da quel buio emergeranno delle immagini. Osservatele a lungo, senza pensare. Prima di addormentarvi, scrivete quello che avete ricevuto. Potete anche chiedere una visione, ponendo una domanda specifica riguardo la situazione che vi sta più a cuore.

Visualizzazione e ricarica energetica
Immaginate un filo o una corda d’argento scendere dalla Luna e collegarsi al secondo chakra. Attraverso questa corda, portatela fino al vostro grembo e lasciate che la sua energia si espanda. Quando vi sentirete carichi, ringraziate e lentamente, lasciate tornare la Luna in cielo. Unite le mani stendendo le braccia verso l’alto e poi scaricate a terra l’energia in eccesso piegandovi e toccando il suolo. Ringraziate. Questa visualizzazione è molto utile a riequilibrare la sfera emotiva.

Scrivere i sogni e divinare
Nei giorni di Luna piena la nostra intuizione è accentuata e anche la capacità di ascoltarsi. E’ di grande utilità scrivere i sogni, se li ricordiamo, specie se desideriamo venire a capo di un problema che ci assilla.
Tre giorni prima e dopo la piena, sono i momenti migliori per effettuare esercizi introspettivi con i Tarocchi e ricaricare i cristalli, caricare i sali da bagno e le erbe per scopi precisi.
Se desideri prenotare una lettura tarologica con me, scrivi a info@cavernacosmica.com

Rituale di rilascio
Se desiderate lasciar andare una situazione, un’attitudine, una relazione o uno stato mentale, potete svolgere questo rito. Un rito serve a rendere manifeste energie e intenzioni al fine di giungere ad uno scopo.
In questo caso, far emergere nuove opportunità, lasciandosi alle spalle il passato.
Useremo elementi simbolici come il fuoco e l’acqua: il primo aiuterà a bruciare, consumare, allontanare il “vecchio” mentre  l’acqua rappresenterà la purificazione e la rinascita.
Se possibile esci e siediti a terra, o almeno trova un luogo tranquillo dove possa filtrare la luce lunare.
Prenditi qualche minuto per meditare e immagina di trovarti sotto una cascata di luce argentea che allontana da te tutte le energie disarmoniche.
Disponi in cerchio i cristalli che usi durante la meditazione.
Accendi una candela e riempi una ciotola di vetro con dell’acqua e mettila di fronte a te, accanto ad un’altra ciotola vuota.
Respira, centrati e scrivi su un foglio tutto quello che desideri eliminare o allontanare, in modo semplice e positivo. Indica la data e firma.
Ora senti  la forza e la risolutezza nel voler porre fine a ciò che ti turba e pronuncia a voce alta o mentalmente “Io lascio andare tutto questo”.
Insisto nel sentire davvero la convinzione e il senso di ciò che stai facendo. Poi, brucia il foglio, partendo da un angolo. Osservalo mentre si consuma e lascia che le ceneri cadano nella ciotola vuota.
Se la carta fatica a prendere fuoco o a bruciare è segno che forse non sei pronto (o faticherai a slegarti dal passato). Se l’azione del fuoco è rapida invece, è un buon segno. Apri le finestre (se sei in casa).
Infine, metti le mani all’interno della ciotola con l’acqua, a simboleggiare il distacco, la purificazione e l’apertura al nuovo.
Quando ti sentirai pronto, togli le mani dall’acqua e respira. Resta in silenzio e rilassati osservando la candela. Restituisci acqua e cenere alla terra.

Categorie

Supporta il mio sito!

+ Non ci sono ancora commenti

Aggiungi il tuo commento