Come contattare i defunti (in modo consapevole)


Il mondo degli Spiriti può richiamare la nostra attenzione in molti modi ma a volte può capitare che una persona attenda invano un segno senza che nulla accada.
In questi casi come possiamo stabilire un “contatto” con i nostri cari?

Migliora la tua energia
Se siamo scarichi, arrabbiati, frustrati, o semplicemente troppo immersi nella routine quotidiana la nostra energia non sarà sufficientemente “pulita” e bloccherà quel naturale stato di quiete necessario a cogliere i loro messaggi.
Pratica la meditazione almeno cinque minuti al giorno prima di addormentarti e prova questi esercizi.

Evita di essere ossessivo
Se siamo ansiosi di ricevere un segno e continuiamo a “chiedere e richiedere” provando una grande tristezza nel cuore a causa degli scarsi risultati, probabilmente andremo ad indebolire il sesto chakra. E’ necessario che la mente ed il cuore siano connessi in modo armonioso per stabilire un contatto autentico ed equilibrato con i nostri cari.

Il dolore aiuta poco
Quando proviamo una sofferenza acuta e fatichiamo a rielaborare il lutto è come se attorno a noi si formasse una fitta “nebbia” che impedisce ai nostri cari di contattarci. Non avere fretta e prenditi il tuo tempo per stare meglio. Riposati, rilassati e trascorri una giornata a contatto con la natura. Al momento giusto, quando ti sarai ripreso riuscirai a comprendere quando sono accanto a te.

Invitali apertamente
Se ti spaventa l’idea di ricevere un segno comunica al tuo caro in che modo desideri riceverlo. Formula mentalmente la tua richiesta (gli Spiriti percepiscono i pensieri). Potresti chiedere di trovare una piuma, una moneta, di percepire del calore, un tocco gentile, di vederli in sogno…
Loro non farebbero mai nulla per “traumatizzarti”. Attendi con fiducia e senza stress.

Immagina di vedere con i loro occhi
Siediti in un posto tranquillo e visualizza il volto del tuo caro. Respira profondamente e lasciati guidare dalle sensazioni che riceverai. Immagina di vedere l’ambiente circostante attraverso i suoi occhi, di percepire l’energia attraverso le sue mani, provare le sue emozioni. Vedrai che sperimenterai una forte connessione e presto riuscirai a cogliere i pensieri e i messaggi che desidera comunicarti.

Tieni con te un loro oggetto
Gli oggetti appartenuti ad una persona conservano la sua energia. Prima di meditare porta all’altezza del cuore una foto, un ricordo, un oggetto del defunto…qualcosa che ti aiuti a connetterti a lui e chiedigli se può passare del tempo con te, inviarti un segno, guidarti.

Scrivi
Onorare i nostri antenati scrivendone la storia è un modo meraviglioso per invitarli a far parte del nostro presente. Scrivi qualche aneddoto divertente, racconta la loro personalità, cosa ti hanno trasmesso. Fai scivolare i pensieri sulla carta. Per loro sentirsi amati e rispettati è molto importante. Mantenere viva la memoria e le emozioni consente di far crescere e proseguire il vostro legame anche dopo la morte.

Accendi una candela
Ogni giorno ad un’ora precisa accendi una candela in loro memoria. Contempla la sua luce e immagina che sia lo Spirito del tuo caro, radioso e colmo d’amore. Immagina che espanda la sua energia su di te e sulla tua casa. Immagina che vegli sulla tua famiglia.
Puoi accendere anche una seconda candela, chiedendo che qualunque anima bisognosa d’aiuto trovi pace.

Abbandona i preconcetti e non razionalizzare: certi legami non si spezzano e continuare a coltivarli è un atto d’amore.

Copyright
I contenuti presenti sul sito “Caverna Cosmica” dei quali è autore il proprietario del sito non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Ogni violazione sarà perseguita ai sensi della legge.

+ Non ci sono ancora commenti

Aggiungi il tuo commento