Il potere degli incensi


dbc971f9aba2bafbc82ff4f62a8b54a2Gli incensi incontrano l’elemento aria, il regno della materia più diluita che esiste, affine all’anima. Si possono diffondere nell’ambiente, per meditare o connettersi alle energie sottili, ma non solo. Hanno la proprietà di attivare l’ippocampo, l’area del cervello che governa i ricordi più antichi, quelli della nostra identità più profonda, favorendo la pace interiore e la voglia di vivere. Il loro effetto è amplificato se ne bruciamo qualche grano prima di fare il bagno. L’incenso, deriva dalla resina delle piante del genere Boswellia, legate all’energia solare: è antinfiammatorio, antidolorifico e agisce sulle reti nervose e il sistema motorio. La Mirra, cura le infezioni bronchiali e allevia la stanchezza fisica e mentale. Mastice e storace, dovrebbero essere bruciati prima di andare a dormire, dato che sono i simboli del Solstizio d’inverno: preparano il regno della notte , che come sostenevano gli antichi “porta consiglio”. Quando dormiamo, si libera la nostra creatività, ci rinnoviamo, lasciamo che l’inconscio parli. Il mastice inoltre, regala un senso di tranquillità che viene dall’aver tagliato le cose inutili, è l’aroma della fiducia in se stessi. Il benzoino che ricorda il profumo della vaniglia, ci aiuta a sognare e a purificare gli ambienti. Il ginepro, infine, dovrebbe essere bruciato la mattina, in particolare durante i mesi invernali, dato che ha virtù energizzanti, stimola l’attenzione e la concentrazione. Più alleneremo il nostro olfatto, più ci renderemo conto di essere attratti da certe essenze piuttosto che da altre. Significa che la nostra energia psichica, la nostra guida interiore, si sta risvegliando.

Sull’incenso: qui

Sulla mirra: qui

Lux

Categorie

Supporta il mio sito!

+ Non ci sono ancora commenti

Aggiungi il tuo commento